Dove mangiare?,  Viaggi

Umbria e Marche: borghi, vini, arte e paesaggi – Parte 1

Benvenuti sul blog per questo nuovo articolo che ha l’obiettivo di farvi viaggiare con la mente, fin quando non potrete visitare questi luoghi di persona!

Come tanti quest’anno abbiamo deciso di trascorrere le vacanze in Italia, e la scelta è caduta su queste due bellissime, e non così conosciute, regioni del centro Italia. Spero che il nostro viaggio possa aiutarvi a programmare una vacanza in queste zone, se avete domande sarò felice di aiutarvi!

Umbria : borghi meravigliosi, pace, natura, enogastronomia, spiritualità

L’Umbria è una regione meravigliosa, collocata al centro dello stivale, offre una pace e una tranquillità unica grazie ai paesaggi verdeggianti e i borghi medioevali conservati alla perfezione. Gli umbri sono persone rilassate, tranquille, la fretta non fa parte della loro quotidianità. L’Umbria non ha autostrade o aeroporti, si raggiunge in auto e si può percorrere tutta grazie ad una strada europea (E45) piuttosto comoda e completamente gratuita!

Sicuramente i borghi da visitare sarebbero infiniti, ma in quattro giorni abbiamo fatto il possibile! Eccovi una carrellata di quelli che abbiamo amato! Se si vogliono apprezzare a dovere vi consiglio di non visitarne più di due al giorno, vi perdereste sicuramente delle chicche!

PERUGIA

Perugia è il capoluogo umbro, città dalla grande storia e dalla vivace vita culturale, grazie anche alle sue eccellenti università fra cui troviamo la più grande università per stranieri della penisola (tralasciando gli ultimi avvenimenti…). Data la presenza di molti studenti Perugia è anche una città con una buona vita notturna. E’ molto ben organizzata, infatti si può parcheggiare nella parte bassa della città e raggiungere il centro tramite delle comode scale mobili (non è l’unica città umbra ad offrire questa possibilità!). Piccola chicca: appena usciti dalle scale mobili sarete catapultati nei sotterranei del palazzo papale, una piccola parte di quella che era la fortezza detta ‘Rocca Paolina‘, davvero affascinante!

Cos’altro vedere nella bellissima Perugia? Iniziamo con Piazza IV Novembre, maestosa, che presenta al centro uno dei monumenti più conosciuti di Perugia, la Fontana Maggiore. Sulla medesima piazza si affacciano il Palazzo dei Priori, dove all’interno si può ammirare la volta affrescata della sala dei Notari, meravigliosa! Dalla piazza si osserva anche la facciata laterale della Cattedrale di San Lorenzo. In seguito abbiamo visitato il Pozzo etrusco, visita che vi porterà via poco tempo ed è interessante, fatto una passeggiata rilassante lungo l’antico acquedotto e girovagato per le strette vie della città, scoprendo scorci davvero bellissimi. Vi consiglio di concludere la visita a Perugia ammirando la vista che si gode dai giardini Carducci : noi ci siamo arrivati al tramonto poco dopo un temporale estivo che ha spazzato via le nuvole, regalandoci uno spettacolo mozzafiato!

SPOLETO

Ed eccoci arrivati a questa spledida città, che fra le tante visitate è stata quella che mi ha colpita di più! Non saprei dire il perchè, ma appena arrivata a Spoleto è stato amore! Cercherò di darvi qualche consiglio per farvi provare le mie stesse sensazioni quando visiterete Spoleto!

Qui come a Perugia, è da apprezzare l’ottima organizzazione: si parcheggia nella parte bassa della città e con delle comode scale mobili si raggiunge il centro. Volendo ci sono anche le scale, ma sicuramente è utile avere un’alternativa nel caso di maltempo, se si hanno problemi a camminare o (come nel mio caso) si è pigri 😀 Usciti dalle scale mobili si è catapultati in questa città luminosa dai maestosi palazzi in pietra chiara (mi ha ricordato le città del sud Italia come Siracusa). Per prima cosa abbiamo visitato il museo archeologico, costruito sulle strutture del bellissimo teatro romano, ancora utilizzato oggi, come per il festival dei due mondi, che si stava svolgendo proprio nei giorni in cui noi abbiamo visitato la città (per più info http://www.festivaldispoleto.com/ ). Dopodiché abbiamo camminato fino a raggiungere la Rocca Albornoziana, un’imponente fortezza collocata sulla sommità del monte di Sant’Elia, da cui si gode di una panoramica mozzafiato sulla città e le campagne circostanti popolate da ulivi secolari. Da qui si può anche ammirare il vicino Ponte delle Torri di epoca medievale. All’interno della fortezza si trova il museo nazionale del ducato (ma controllate gli orari di apertura!). Successivamente siamo ridiscesi a piedi nel cuore della città, per chi lo volesse si possono anche utilizzare degli ascensori gratuiti. Il mio consiglio è di farvi conquistare dalla bellezza delle vie e delle piazze centrali, è tutto talmente bello che è riduttivo darvi delle indicazioni precise. Sicuramente immancabile una visita al Duomo di Spoleto, la cattedrale di Santa Maria Assunta, splendido sia esternamente che all’interno, dove troverete affreschi coloratissimi ( https://www.duomospoleto.it/). Consiglio: arrivati davanti alla facciata del duomo, girate a sinistra, vi troverete in dei giardini molto belli e tranquilli, ci sono anche un paio di locali con delle terrazze dalla vista magnifica. Fermatevi poi a sorseggiare un calice di vino nella luminosa Piazza del Mercato, dove vi accoglierà l’antica fontana. In questa bella piazza abbiamo pranzato in un locale molto carino – Cava Truffles and Bubbles-dove ho apprezzato il fatto che, nonostante si trovi in pieno centro, i prezzi siano onesti. In generale posso dire che a Spoleto non ho visto nessuna ‘trappola per turisti’, quindi non dovreste avere problemi nel scegliere dove mangiare!

GUBBIO

Gubbio è una bellissima città medioevale, dagli imponenti palazzi in pietra e la struttura compatta. In passato Gubbio era un centro fondamentale per gli umbri, e la sua importanza rimase grande anche nel medioevo. Ciò si riflette nei numerosi monumenti storici della città e nella presenza delle tavole Eugubine nel museo civico, il più notevole cimelio epigrafico dell’Italia preromana. Gubbio è anche celebre per l’episodio del lupo legato alla vita di san Francesco, trovate tracce di questo avvenimento in varie parti della città, come nella chiesa di san Francesco della pace.

Cosa vedere dunque a Gubbio? Sicuramente Piazza Grande, da cui si gode di una vista meravigliosa, una delle più imponenti piazze pensili esistenti. Noi abbiamo anche visitato il museo civico all’interno del palazzo dei consoli, proprio sulla piazza. Nonostante io soffra di vertigini mi sono poi fatta convincere a salire sulla piccola funivia che porta alla basilica di Sant’Ubaldo sul Monte Ingino. Il costo è di €6 per andata e ritorno, e ne vale la pena! Sulla cima del monte nel periodo natalizio viene allestito l’albero di Natale più grande del mondo (composto in totale da 550 luci!). Per i più coraggiosi, e per quelli che non visiteranno Gubbio in agosto a 35 gradi :D, c’è la possibilità di salire sul monte Ingino tramite un percorso a piedi molto panoramico. Una delle altre mille cose da vedere a Gubbio è la Fontana del Bargello, anche chiamata fontana dei matti: se si compiono 3 giri intorno alla fontana alla presenza di un eugubino (abitante di Gubbio) si può ottenere la ‘patente da… matto’!

Questa città vi ricorda qualcosa che non rientra negli episodi citati sopra? Allora è possibile che siate dei fan della fiction Don Matteo, girata proprio a Gubbio: ammettete che durante i pranzi dai nonni davate una sbirciatina al vecchio Terence !

MONTONE

Dopo avervi parlato di città celebri e famose, adesso passiamo ad un piccolissimo borgo medievale, Montone. Si trova a nord di Perugia, non lontano da Gubbio, e fa parte dei borghi più belli d’Italia.

Siccome abbiamo dormito in un agriturismo nelle campagne di questo paese, siamo riusciti a visitarlo con calma prima e dopo aver cenato in uno dei numerosi ristoranti del borgo. Vi consiglio la visita di Montone in quanto è un paese tenuto benissimo, il centro storico è un piccolo gioiello e la sera è molto scenografico.

Dunque, arriviamo alla parte più importante: dove mangiare in Umbria? Eccovi la lista dei ristoranti migliori che abbiamo provato:

Ristorante San Giorgio, Umbertide http://www.ristorante-sangiorgio.it/

Questo piccolo ristorante si trova nel pieno centro di Umbertide, una piccola cittadina a 30 km da Gubbio e da Perugia. In estate il dehor è sulla piazza centrale, molto bella! Per gli amanti del vino questo è il posto giusto: ci hanno subito colpiti le numerosissime bottiglie esposte, etichette ricercate e non facili da trovare, fra cui un’ampia scelta di nebbioli, tanto che ci è sembrato di tornare a casa! Impressione avuta anche leggendo il menù, dove, fra le varie ed interessanti proposte abbiamo trovato un vitello tonnato rivisitato! Parlando con il cuoco e il caposala, simpaticissimi, abbiamo infatti scoperto il loro amore per la nostra regione! Riguardo alla cucina del San Giorgio c’è poco da dire, se non che dovete assolutamente farvi deliziare il palato dai loro piatti e lasciarvi coccolare dall’ottimo servizio, che accompagna il cliente in un viaggio enogastronomico di rara bellezza. Abbiamo trascorso una piacevolissima serata, mangiato e bevuto benissimo, e conosciuto due persone davvero piacevoli. Torneremo con piacere al San Giorgio quando saremo in quella zona, e consiglio a chi sta leggendo questo articolo di fare lo stesso 🙂

Locanda del Capitano, Montone https://www.ilcapitano.com/

Questo elegante ristorante nel centro di Montone offre una cucina tipica di qualità. Mi ha colpito molto il fatto che la Locanda del Capitano, insieme al Tipico Ostera dei Sensi, siano stati il primo sharing restaurant in Umbria. Sapete cosa signicia? Si tratta di due ristoranti dall’atmosfera differente, ma con la stessa filosofia: raccontare l’Umbria attraverso le ricette tradizionali e i prodotti eccellenti che offre questa bellissima regione. Per mancanza di tempo abbiamo cenato soolo in uno dei due ristoranti, la Locanda del Capitano, anche se tutti e due ci ispiravano molto! In estate consigliatissimo il dehor di entrambi i locali, quello della Locanda è un elegante e romantica terrazza illuminata, mentre i tavoli del Tipico si trovano direttamente lungo le vie medioevali del centro. Prodotti eccellenti e atmosfera cordiale sono i due ingredienti che rendono questo progetto di sharing restaurant un posto da provare! La Locanda del Capitano offre anche la possibilità di pernottare in un suggestivo boutique hotel!

Ristorante Erbaluna, Montone https://www.erbalunaristorante.com/

Premetto che non ho scattato nessuna foto (ero stanchissima dopo 6 ore di viaggio!), ma cliccate sul link qui sopra per rendervi conto della bellezza di questo locale! Sia esternamente che internamente è un ristorante molto curato ed unico nel suo genere, è infatti ricavato dalle scuderie di un antico castello, e devo fare i complimenti ai proprietari per la ristrutturazone impeccabile, così come l’arredamento. La cucina mi ha colpita per il numero di piatti rivisitati con maestria, in particolare ho apprezato un delizioso spaghetto agli scampi. Lo consiglio dunque come un’ottima alternativa se, dopo varie sere passate a gustare i piatti tipici umbri, aveste voglia di provare qualcosa di diverso (e più leggero!), anche se Erbaluna proprone anche piatti tipici. Location indubbiamente romantica, consigliatissima per una cena di coppia.

Locanda Appennino, Umbertide http://ristorantelocandaappennino.blogspot.com/

Siamo capitati quasi per caso in questo piccolo ristorantino, dall’atmosfera intima e curata. D’estate hanno una terrazza molto carina a due passi dal Tevere. La cucina è di buona qualità, con piatti più tradizionali e altri più insoliti, ma comunque sempre ben eseguiti. Consigliato per una cena in un ambiente tranquillo, ottimo rapporto qualità prezzo.

nelle campagne di Montone

Benissimo, ho scritto tanto eppure siamo solo a metà! Per scoprire il resto del viaggio in Umbria e quello nelle Marche seguitemi, presto uscirà la seconda parte dell’articolo, dove ci sarà anche un approfondimento sui vini di queste due regioni! 🙂

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *